Campagna gratuita per la promozione della salute
e della sicurezza degli automobilisti
SCOPRI I DETTAGLI
IN COLLABORAZIONE CON:
twittafb

Insonnia da ansia o stress? 5 (insoliti) rimedi per alleviarla!

22-08-2017

Se la causa delle vostre notti insonni è il caldo, allora vi consigliamo cosa fare per addormentarvi prima e restare freschi più a lungo a questo link!
Se invece, anche nei mesi estivi, sono ansia e stress a tenervi svegli, ecco 5 rimedi piuttosto insoliti da sperimentare per calmare la mente e prendere sonno con maggiore facilità!

1. La musica 

Si, è notizia nota come ascoltare la musica preferita abbia un effetto rilassante sul sistema nervoso. Ma c’è musica e musica! Se punk o heavy metal vi aiutano a distrarre la mente da pensieri o preoccupazioni, in vista degli esami autunnali o del rientro al lavoro, esiste un tipo di musica in grado di favorire davvero l’addormentamento e… non include chitarre elettriche! 
Si tratta di musica classica ma non solo, con un ritmo di circa 60-80 battiti al minuto, capace di agire sul sistema nervoso simpatico, abbassare la pressione del sangue e facilitare l’arrivo del sonno. Trovate lo studio clinico al link: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18426457

Il consiglio: Provate a scegliere tra l’onirica Closing Act di Andrew Bayer e la più nota All of Me di John Legend e da lì avviate una delle tante app di ricerca dei brani simili per creare la vostra “playlist del sonno”!

2. La lavanda

Ne abbiamo parlato in passato, i principi attivi contenuti negli olii essenziali di questa profumatissima pianta esercitano sul sistema nervoso un vero effetto calmante. Un ulteriore aspetto positivo è dato dal fatto che non serve assumere la lavanda in preparazioni per bocca ma è sufficiente respirarla, secondo quanto riportato dal questo studio clinico e molti altri condotti successivamente soprattutto negli Stati Uniti ed in Gran Bretagna. 

Il consiglio: Procuratevi dell’olio essenziale di lavanda, facile da trovare in erboristeria e semplicemente inalatene l’aroma per 2-3 minuti, ogni 10 minuti, circa mezz’ora prima di coricarvi: Il sonno migliora, ci si addormenta prima e si dorme meglio! 

3. Le bolle di sapone

Tra i rimedi per l’insonnia da ansia e stress è senza dubbio il più bizzarro, eppure per quanto sembri strano, anche fare le bolle di sapone può risultare terapeutico per calmare i nervi e facilitare il riposo. La D.ssa Rachel Marie E. Salas, neurologa della Johns Hopkins University School of Medicine americana, ha annoverato questo rimedio tra le migliori tecniche per prendere sonno in modo naturale.

Il consiglio: Armatevi dello “strumento magico”, un flaconcino di bolle di sapone (potete acquistarlo o magari prenderlo in prestito dai giochi dei vostri bambini). E permettete a voi stessi di tornare piccoli per 10-15 minuti, inspirando profondamente e soffiando molto lentamente, per creare la bolla di sapone più grande di sempre! L’effetto rilassante di un’esperienza semplice, piacevole e positiva, è un toccasana per mandare via ansia e stress e prepararvi al sonno! 

4. La psicologia (inversa!)

A volte l’ansia che arriva appena ci si sdraia a letto non è dovuta a stress e preoccupazioni da lavoro, studio o rapporti personali ma semplicemente dalla paura di passare l’ennesima notte insonne. In questi casi si vive il momento dell’addormentamento con un unico imperativo: “devo dormire”. Quando ciò accade un buon rimedio potrebbe essere comportarsi in modo opposto a come normalmente si farebbe in quella determinata situazione, sfruttando il "meccanismo paradossale" alla base della psicologia inversa. Complesso da spiegare ma semplice da fare!

Il consiglio: Sebbene sia impossibile e non auspicabile sostituirsi ad un vero psicologo, potete provare a sperimentare questa piccola autoprescrizione “paradossale" sostituendo nella vostra mente il “devo dormire” con il “devo assolutamente restare sveglio e tenere gli occhi aperti”. Secondo uno studio clinico, almeno per casi di insonnia lievi e sporadici, la psicologia inversa, risulta un rimedio piuttosto efficace anche se inadatto a trattare il disturbo nel lungo termine.

5. L’acupressione

Parente stretta della più nota agopuntura, sfrutta gli stessi principi dell’antica tecnica di medicina alternativa orientale, per individuare i “centri energetici” passanti in zone precise del corpo umano e ristabilisce il giusto equilibrio semplicemente attraverso la pressione delle dita su queste aree. 
Se l’ideale è sempre rivolgersi ad un professionista della disciplina, è comunque possibile sperimentare da soli i possibili effetti sul sonno, anche solo per curiosità. 

Il consiglio: Le aree su cui esercitare una delicata pressione con le dita, per circa 1 minuto sono essenzialmente 2: 
- Tra la radice del naso e le sopracciglia 
- Tra il primo ed il secondo dito sul dorso del piede 
Altro rimedio molto più semplice, in una posizione di relax, comodamente coricati a letto, è massaggiarvi delicatamente, per circa un minuto, entrambe le orecchie
Pensavate di averle provate tutte contro l’insonnia?! Mai dire mai! 


Attenzione: Sebbene questi rimedi abbiano tutti un loro fondamento scientifico, quando la difficoltà a prendere o mantenere il sonno, si protrae per più di qualche settimana, è fondamentale rivolgersi al medico. L’insonnia è una malattia che va diagnosticata e curata e dalla quale è possibile guarire! Per dubbi e domande, scrivete ai nostri specialisti del sonno attraverso la Posta di Dormilio!  
 

Stampa